di Vittorio The Figurehead Guerrazzi

 

La superficie lucida e setosa di una ceramica, la tridimensionale bellezza della sua policromia, la vibrazione tattile della sua matericità.
Piccoli capolavori della quotidianità, che possono essere tenuti in una mano, come un calice di vino, ad esempio; scelte ben precise del designer che fa lavorare in sinergia ogni più piccolo dettaglio: le forme, le idee, i materiali, le curve, i bisogni.
Estetica e razionalità che si fondono insieme, dopo tanto studio e ricerca, per dar vita ad un unicum nella sua immediata, semplice, funzionalità.
Nel panorama enoico Campano, forse il titolo di Designer del Vino può toccare solo al Prof. Luigi Moio e quindi alle sue creazioni: anni di ricerca spesi tra l’azienda paterna a Mondragone e poi, soprattutto, in Francia, in Borgogna, per approfondire gli aspetti più minuziosi del mondo del vino.
E nessun dettaglio viene lasciato al caso, in quel percorso che conduce dalla vigna alla bottiglia, dal calice al palato, dove la matericità del sorso, le linee che ogni goccia di vino traccia, rappresentano una piccola e cesellata opera di ricerca della perfezione.
La Falanghina Via del Campo, ad esempio, proveniente da un’unica vigna sita proprio a Mirabella Eclano, è una piccola opera d’arte, sublimazione di estetica, ricerca e piacere, se vogliamo anche in parte fuori contesto ( visto che in Irpinia la fanno da padrone altri uvaggi bianchi).
L’opulenza fruttata tipica del vitigno, sovente narrata attraverso suggestioni di frutta esotica ricca e matura, viene intrisa dalle singolari caratteristiche minerali e iodate del terroir irpino; il breve passaggio in legno spinge l’acceleratore su un plus di morbidezza, suadenza, struttura e nuances tostate che amplificano il sorso e regalano setosità e rotondità ad un palato in continua stimolazione sapida.
La più piccola sfumatura organolettica sembra trovare un ideale gioco di incastri per l’appagamento dei sensi… e ogni sorso richiama alla mente l’estatica perfezione del bocciolo di rosa al capo filare delle vigne di Luigi Moio.

foto di copertina di Francesca Guadagno: Il design in ceramica di Jaime Hayon al Museo Filangieri di Napoli

Questo vino ce lo beviamo su…

La sfida del design arriva a Napoli